Sanità, il Molise regala alla Basilicata parte delle sue risorse

0

Il Molise regala il 3,2% delle sue risorse alla Basilicata per la radioterapia oncologica.

Il Ministero della Salute ha messo a punto, e reinviato alla Conferenza Stato-Regioni per il via libera avvenuto il 15 dicembre scorso, il riparto delle risorse previsti dalla legge 18/2017, 100 milioni di euro, per la riqualificazione e l’ ammodernamento tecnologico dei servizi di radioterapia oncologica di ultima generazione nelle regioni del Mezzogiorno: Campania, Sicilia, Puglia, Calabria, Sardegna, Abruzzo, Basilicata e Molise. Nella prima ripartizione, al Molise erano stati erogati 1.497.023 euro che, dopo la rimodulazione avvenuta a novembre scorso e deliberata dalla Conferenza Stato-Regioni pochi giorni fa, sono diventati 1.450.000 euro. Il taglio operato a tutte le regioni coinvolte è stato necessario per finanziare alcuni interventi in favore della regione Basilicata.
La proposta del ministero ha ripartito le risorse in misura proporzionale alla popolazione residente ed essendo il Molise il meno abitato, è quello che ha ricevuto il contributo minore ma, percentualmente, è la regione che ha donato di più.
Per ricevere lerogazione, le regioni hanno dovuto presentare al ministero della Salute uno specifico programma di utilizzo delle risorse assegnate che conteneva l’elenco delle apparecchiature, con i relativi costi anche di installazione e collaudo, nonché la dichiarazione di congruità di funzionamento attestando anche la presenza di professionalità adeguate.
Le nuove apparecchiature dovranno integrarsi con una o più delle seguenti tecnologie: radiologica per il posizionamento e/o la tracciabilità dei movimenti del bersaglio, Conc-beam Ct, tomografia assiale computerizzato, risonanza magnetica a basso o alto campo di intensità.

 

Condividi.

Autore

Rispondi