Elezioni, un esposto denuncia contro lo slittamento del voto

0

In queste ore negli uffici legali di un noto avvocato del capoluogo, alcuni esponenti del centrodestra hanno conferito  mandato al legale al fine di predisporre un esposto denuncia da depositare alla Corte dei Conti, nelle persone del Presidente e del Procuratore regionale, per accertare l’esistenza e l’entità di un eventuale danno all’erario che deriva dall’ingiustificata decisione di non far coincidere le elezioni regionali con quelle nazionali, fissata per il prossimo 4 marzo. Al vaglio anche la verifica delle eventuali responsabilità nei confronti dell’erario di tutti i soggetti coinvolti, che avrebbero inciso, chi più, chi meno allo slittamento della data del voto. secondo alcune indiscrezioni sembrerebbe che tirati in ballo ci sia non solo il presidente della regione, ma anche la presidenza del consiglio dei ministri e il sottosegretario l’onorevole Gianclaudio Bressa, che avrebbe inviato la nota al governatore. Gli esponenti agguerriti portano come esempio, il caso Lazio. L’ex governatrice , Renata Polveroni sarebbe stata chiamata a restituire ben 4 milioni di euro all’errore per aver rinviato ingiustificatamente, le elezioni.

Intanto, il tempo non è ancora scaduto per indire i comizi. Il presidente Frattura che questo pomeriggio sarà a Roma per la direzione nazionale del Pd, potrebbe dare mandato, al fine di preparare la delibera diconvocazione dei comizi elettorali entro venerdì e sgomberare così ogni dubbio su possibili strategie elettorali sdoppiando il voto.

Condividi.

Autore

Rispondi