Elezioni, Ruta rifiuta la candidatura al Parlamento. Pronti già i sostituti

0

Ha rifiutato, com’era prevedibile la candidatura al Parlamento, il senatore dem, Roberto Ruta. Unica condizione che Ruta aveva posto alla segretaria di partito, Micaela Fanelli che gli avrebbe proposto la candidatura, era mandare a casa Frattura o quantomeno indire le primarie per scegliere l’eventuale candidato Presidente. Solo così avrebbe accettato con un sorriso a 32 denti. Trattative tra i due che sono durate, però, quanto un arcobaleno in un cielo già nuvoloso. Nella trattativa il senatore aveva avanzato come ipotesi di dialogo, quella delle primarie, già rifiutate da Fanelli e Ruta lo scorso maggio. La segretaria ipotizza l’11 febbraio e Ruta tira fuori la sua performance cattedratica “In quel discorso, non ho visto il senso compiuto” e boccia così ogni altro tentativo di conciliazione con quel pd targato Frattura e Fanelli. Il senatore tornerà a fare il professore, fermo restando la partita ancora aperta delle regionali e la segretaria avrebbe già rimpiazzato il senatore. Tra i sostituti la stessa Fanelli, Facciolla,  Veneziale.

Intanto per il centrosinistra parteciperanno il rettore Palmieri che proprio oggi si sarebbe “sospeso” dall’organo universitario, confermando così la partecipazione alle elezioni politiche. In partita con lui, ci sarà il duo Fanelli e  Facciolla, la Vecchia, Campopiano, Durante, Notarangelo, insomma la formazione è lunga e continua tra titolari e riserve.

Condividi.

Autore

Rispondi