Centrodestra, Mentre le pulci tossiscono, nasce il Polo Moderato

0

Serata decisiva quella per il polo moderato, alias centrodestra molisano. Come annunciato nei giorni scorsi il centro moderato si è incontrato a Termoli in un vertice programmatico. Se c’è chi tenta, invano, di destabilizzare la candidatura del giudice Enzo di Giacomo, il centrodestra va spedito e lavora sui programmi. Sicurezza, trasporti, immigrazione, sono solo alcuni dei temi sviscerati nel summit pomeridiano con vista mare. Poche parole riservate al dissidente Iorio. Un nuovo messaggio di invito. La trattativa è aperta al segretario nazionale Raffaele Fitto che deciderà sul da farsi.  Poi ognuno andrà verso la propria direzione.  E sulla falsariga di Michele Iorio, si allinea, forse per alzare la posta in gioco, anche Michele Marone con Energia Italia, il cui coordinatore nazionale Parisi nelle poche righe scrive ” il candidato alle prossime elezioni regionali è Michele Marone, voluto da una serie di associazioni”.  Ad anticipare il comunicato dissidente di Parisi, la conferenza stampa dell’ex sindaco di Termoli, di Brino che continua a promuovere la candidatura di Michele Iorio.

Intanto il Polo Moderato, ovvero Popolari per l’Italia ( Vincenzo Niro), Orgoglio Molise (Vincenzo Cotugno), UDC (Teresio di Pietro) Idea (Maurizio Tiberio), Cristiano Popolari (Beniamino Buchicchio) e il Molise che Vogliamo ( Salvatore Micone) hanno sottoscritto il Patto per il territorio. “Un patto – affermano i vari coordinatori regionali – che sia chiaro, che non preclude la presenza di alcuna componente tra quelle che ritengono prioritario l’interesse collettivo e la risoluzione dei numerosi problemi che affliggono la nostra regione. Un patto – si legge ancora nella nota – che stabilisca anche quali devono essere i requisiti del futuro candidato Presidente della Regione” e il giudice incarna perfettamente  tutte i requisiti richiesti, a cominciare dall’ assoluta distanza da conflitti di interesse e centri di potere.

Condividi.

Autore

Rispondi