Maltempo, la piana di Venafro flagellata da bombe d’acqua

0

Si presentava così, questa mattina, la piana di Venafro. Un acquitrino enorme con enormi pericoli per l’incolumità pubblica. Ad allagare la piana, l’esondazione del Volturno, il fiume che separa il Molise dalla Campania. I canali che dovrebbero raccogliere la pioggia e le acque superficiali non sono riusciti ad accogliere le acque agitate del fiume.  La cattiva manutenzione e spesso l’assenza di una attenta e scrupolosa opera di ripulitura ordinaria dei corsi d’acqua, degli alvei fluviali, dei canali e delle cunette lungo le arterie stradali, innescano seri rischi anche alle abitazioni, ai garage, alle attività commerciali e a tutti quei locali che sono al pian terreno. Da questa mattina, è partita la conta dei danni, anche in considerazione dei campi coltivati allagati e degli animali che non sono riusciti a mettersi al sicuro.  Sul posto i vigili del fuoco, la protezione civile i carabinieri. I canali e gli argini della zona  sono di proprietà del Consorzio di Bonifica, che dovrebbe provvedere alla cura ordinaria e straordinaria. Compito del Consorzio di Bonifica è operare, appunto, nella difesa idraulica del territorio per garantire una maggiore sicurezza dai rischi di allagamento. Qualcosa però non ha funzionato, come mai ?

 

 

Condividi.

Autore

Rispondi