Isernia, tavola rotonda sul futuro del Molise

0

L’associazione culturale LIBERO PENSIERO ha organizzato nella sala conferenze del Gruppo Cifolelli il convegno dal titolo “Molise, quale futuro?”.

L’ incontro quanto mai indovinato, considerata l’attuale situazione del Molise non tra le più rosee d’Italia, ha voluto evidenziare le innumerevoli criticità del territorio molisano, sviscerate nei vari interventi che si sono succeduti e le possibili soluzioni.
L’architetto Valente, il dottor Daniele Colucci, Presidente vicario del Tribunale di Larino, l’economista Lucio Di Gaetano si sono soffermati sulla mancanza di infrastrutture che impedirebbero una più facile e veloce circolazione di merci e di persone.
Un handicap che non rende la piccola regione del sud dello stivale competitiva sul mercato del turismo.
Uno degli interventi più attesi è stato quello del giudice Enzo Di Giacomo che ha ripercorso le tappe della vicenda ITR-OTI.
Di Giacomo, dopo aver ricordato assoluzione quasi totalitaria delle spettanze dei lavoratori, ha precisato “Abbiamo tentato di portare avanti la situazione complessa grazie anche al supporto della politica. C’era un debito di 7 milioni di euro di OTI verso ITR, – ha spiegato Di Giacomo –  ma non c’è stata la volontà o non c’è stata la possibilità di risolvere l’evidente criticità, forse per mancanza di fondi”. Ha poi continuato: “Quindi si è passati ad un piano “B”, un progetto importante e ambizioso che esclude totalmente la politica. Il “fondo” a cui si fa riferimento e a cui si spera di poter attingere risorse per la ripartenza del polo tessile è partecipato per il 28% dal CNR. Siamo in attesa di una risposta a breve e ci auguriamo che sia positiva”. Ha infine concluso: “Spesso con l’impegno e con un’attività di straordinaria amministrazione si possono riuscire a fare grandi cose. Sembrano sogni eppure questi sogni li abbiamo trasformati in realtà. Credo che sia proprio questo che oggi la nostra Regione ed i nostri territori hanno bisogno. Una speranza, un sogno da trasformare in realtà”.

Condividi.

Autore

Rispondi