Inclusione sociale, quel cavillo che crea malintesi interpretativi

0

Inclusione sociale – Un regolamento si può interpretare? La povertà è una delle piaghe peggiori di questo millennio. Chi governa si loda di aiutare chi è in difficoltà e quando riesce, anche se spesso solo in parte, potrebbe capitare che qualcosa non vada come previsto.

Un esempio come probabile malinteso tra chi legifera e chi mette in pratica potrebbe essere il bando per i 909 Tirocini formativi per l’inclusione sociale, regolamentati e finanziati dalla Regione Molise e gestiti dai 7 Ambiti Territoriali Sociali (ATS) molisani.

Riassumendo la procedura, per accedere al tirocinio della durata di 6 mesi ed ai 3.000 euro lordi totali, bisognava presentare domanda all’ATS di riferimento e rientrare nella graduatoria tra gli idonei beneficiari.

Nei criteri, gli estensori del regolamento hanno diviso il nucleo familiare in 3 fasce, persona singola, famiglia numerosa e mono-genitoriale, assegnando un punteggio elevato alla persona singola rispetto alle altre per agevolarla nel punteggio dato che spesso è la più penalizzata, come sostenuto caldamente dal Governatore Paolo Di Laura Frattura.

Si è verificato che alcuni ATS (ad esempio Bojano-Riccia e Larino) hanno sommato i punti del criterio “famiglia numerosa” a quello “mono-genitoriale” di uno stesso nucleo familiare, definendoli in questo modo come due nuclei diversi, probabilmente in contrasto col regolamento e contraddicendo la finalità prevista dal Governatore e dalla Giunta regionale.

Si evince che un diverso modo di procedere tra gli ATS ha creato risultati diversi tra loro ed anche in una stessa graduatoria.

Esempio potrebbe essere la situazione venutasi a creare ai danni di un abitante  di Santa Croce di Magliano, che per privacy lasciamo nell’anonimato, ricadente nell’ATS di Larino, primo degli esclusi per mancanza di posti.

Praticamente  il soggetto  si è trovato fuori con il metodo della somma adottato dall’ATS, mentre sarebbe rientrato se non si fosse proceduto alla somma.

Quale metodo sarà stato quello giusto da applicare?

Condividi.

Autore

Rispondi