Cinema Ariston, il Tar dice No al mega palazzo

0

Porta la data del 5 gennaio la sentenza del Tar che ha di fatto bloccato la mega colata di cemento distruggendo il Cinema Ariston e quello che rappresentava per la città di Campobasso.

Il Tribunale amministrativo, condividendo le obiezioni sollevate dal Comune rappresentato dai legali Iacovelli e Fiacco e dal Codacons, rappresentato dagli avvocati Ruta, Romano e Rienzi, ha confermato l’illegittimità del titolo edilizio che dava il permesso alla società “Cinema Teatro Ariston”, difesa dall’avvocato di Pardo, di traformare la struttura in un mega palazzo alto 9 piani.

L’intervento edilizio non era certo nato casualmente, ma grazie al regolamento comunale del Piano Casa, che dava la possibilità di realizzare strutture che non avevano una linearità architettonica con il contesto urbano.

Solo pochi giorni fa il verdetto del Consiglio di Stato che sembrava annunciare l’imminente abbattimento dell’ex Cinema Ariston. A pochi giorni di stanza, da vittorie sbaniderate, dunque, il Tar capovolge anche se solo parzialmente, la situazione. Infatti con la sentenza n.3 il Tribunale amministrativo, pronunciandosi sul ricorso proposto dalla società in liquidazione, provvede a dichiarare non solo l’estromissione, dal giudizio, del Ministero per i Beni e Attività Culturali (il Ministero si era costituito in giudizio per rappresentare la propria estraneità al fatto), ma ha anche respinto il ricorso nel merito.

Condividi.

Autore

Rispondi