ART Bonus, poche le donazioni dei molisani

0

Il Bonus Arte è lo strumento messo a punto dal governo per aiutare il recupero del patrimonio storico, archeologico, artistico e per il rilancio del turismo. Introdotto 3 anni fa, prevede che chiunque doni, cittadini e imprese, a favore di un bene individuato nel programma del governo,  verrà riconosciuto un credito di imposta pari al 65% dell’importo donato da detrarre dalla dichiarazione dei redditi e verrà menzionato in una apposita pagina chiamata “I Mecenati”.

Nel Molise cinque sono i siti ai quali è possibile offrire un aiuto economico. A Isernia sono il sito Preistorico “La Pineta”, Restauro e protezione reperti paleontologici delle archeosuperfici. , la Biblioteca Comunale Michele Romano con il Restauro dei 4 quattro tavoli di lettura a disposizione del pubblico, riallestimento spazio conferenze, riallestimento spazio mediateca, acquisto scanner. A Castropignano, invece l’intervento da migliorare e per cui è possibile donare è il ripristino della Torre campanaria. A Oratino invece oggetto del progetto governativo è la Chiesa Parrocchiale di S. Maria Assunta. Altro intervento individuato è a Riccia ed è la Fontana seicentesca in via Zaburri. Dalla disposizone a oggi solo Riccia ha avuto donatori. A oggi sono stati raccolti circa 8.000 euro da parte dei Consiglieri Comunali che hanno rinunciato al loro gettone di presenza e 700 euro da donazioni di privati cittadini.

Possibile che in Molise nessuno conosca Art Bonus ad eccezione di Riccia?

 

 

 

 

Condividi.

Autore

Rispondi