ARA Molise, vicini alla soluzione del problema. Domani tavolo in Prefettura.

0

ARA Molise – Appuntamento domani 22 dicembre in Prefettura per discutere della delicata situazione dell’associazione allevatori molisani. Si tenta soprattutto di salvare i posti di lavoro. Quest’oggi nuovo tavolo in assessorato con i sindacati, Ugl e Cobas, con i lavoratori e con il servizio finanze della struttura regionale. Si sta lavorando “a tambur battente” per individuare, immediatamente, la soluzione migliore. Molta attenzione è stata prestata agli ex dipendenti dell’Ente di Via Campania che a pochi giorni dal Natale sono rimasti senza lavoro. La strada che la regione sta percorrendo è quella della creazione di una New Co che possa riprendere in servizio i lavoratori licenziati. C’è urgenza di trovare una soluzione, proprio perchè il servizio che l’Ente svolgeva per i tanti allevatori molisani è sospeso.  L’attività di ARA Molise, è tra le peculiarità della regione, indispensabili per il servizio offerto agli allevatori, ma anche per garantire la sicurezza dei prodotti che finiscono sulle tavole dei cittadini.  La percentuale dell’economia molisana è veicolata proprio dal comparto allevamento. In queste ore si stanno anche analizzando le cause che hanno portato l’azienda  al tracollo finanziario, provocando il licenziamento collettivo e la chiusura totale dell’Ente.  In passato l’azienda è stata aiutata dalla struttura regionale campana, ma non è bastato, tant’è che tutto è precipitato vorticosamente, neppure i dipendenti avevano intuito una risoluzione drastica. Alcuni degli ex dipendenti lavoravo in via campania da oltre 30 anni, affidando all’azienda la propria vita professionale, contribuendo con sacrifici economici. Oggi, un sorriso si è nuovamente acceso sui loro volti. “Anche se passeremo il natale senza soldi, come ormai da due anni, almeno abbiamo la speranza che nulla è perduto, che tutto può essere risolto”. E così si congedano i lavoratori dandosi appuntamento a domani davanti al palazzo del governo in piazza Pepe.

Condividi.

Autore

Rispondi