Maltempo, natura e negligenza, binomio esplosivo

0

Maltempo – Dalle ultime previsioni meteorologiche, l’ondata di maltempo è in costante aumento. Le forti raffiche di vento e la pioggia battente delle ultime ore che sta investendo l’ intero Molise, metterà nuovamente in ginocchio l’agricoltura. A risentirne fortemente, le colture invernali. Ma non solo i raccolti sono a rischio. A repentaglio anche l’ incolumità dei cittadini. A procurare potenziali danni, la superficialità dei cittadini, o meglio quella dei proprietari di fondi con alberi giganteschi ai margini delle strade. È diventata una pessima abitudine, quella dei molisani, di non preoccuparsi dei beni che sono per legge sotto la propria tutela. Non potare le fronde delle piante, i grossi rami, che protendono sulle carreggiate che costeggiano provinciali o strade interpoderali, potrebbe rappresentare un potenziale rischio per gli automobilisti, ignari di quanto potrebbe succedere, se a causa delle raffiche di vento, un pesante ramo dovesse staccarsi e abbattersi sulle autovetture in corsa. L’elenco di chi dovrebbe attivarsi, è assai lungo, a cominciare da alcune amministrazioni, che sembrano dimenticare i rischi collaterali a una misera manutenzione di cunette e alvei fluviali. La vegetazione, che nessuno ha provveduto a sfoltire, nel periodo invernale, si trasforma in una minaccia seria per la collettività.  Basta poco, basta la volontà combinata con l’azione, a tutelare il cittadino da potenziali rischi che si innescano quando si incontra la natura selvaggia e la negligenza dell’uomo. Intanto i primi danni cominciano a registrarsi. A Bojano, Oratino, Campobasso e alcuni comuni in provincia di Isernia, sono al lavoro i vigili del fuoco per rimuovere dalle strade i rami, i pali spezzati, i bidoni della spazzatura.

Condividi.

Autore

Rispondi